Blog

visita in cantina sara vezza langhe barolo

La collina dove vivono gli gnomi (e si fa il vino)

#viteincantina da Sara Vezza

C’era una volta una bambina che amava accompagnare la mamma a raccogliere l’uva. Quando era tempo di vendemmia, uscivano insieme al mattino, la mamma e la bambina, la bruma alle caviglie, il cestello e le forbici in mano. E mentre il sole saliva nel cielo, così le loro mani, insieme a quelle di tanti altri accorsi nella vigna, riempivano le casse di grappoli pieni e colorati. Erano giorni di dita blu e sorrisi bianchi e quando finivano, mentre gli occhi della bambina si chiudevano sotto al peso del sonno, la mamma iniziava a raccontare dei piccoli magici amici che, proprio in quel momento, si trovavano nella vigna a liberare i filari dei grappoli rimasti, per rendere più leggero il lavoro del giorno successivo. “E chi sono, mamma?”, chiedeva la bambina. “Sono gli gnomi, Sara, che vivono sulle nostre colline e che ci aiutano con la vendemmia. In cambio chiedono solo qualche bottiglia di vino”. Oggi quella bambina è cresciuta e, seguendo le orme di mamma Josetta, fa il vino anche lei.

josetta saffirio cantina langhe barolo sara vezza
La foto di Mamma Josetta, nella cantina di Sara Vezza

Gli gnomi di Sara Vezza

E gli gnomi? “A noi piace pensare che ci siano ancora” ci racconta durante la nostra visita “e per farli sentire a casa, abbiamo deciso ci continuare la tradizione iniziata da mia madre, che amava disegnarli, di inserirli sulle nostre etichette”. Ma non solo. Mentre camminiamo nei locali dai soffitti alti che profumano di mosto, mentre il verde della collina filtra dalle vetrate delle grandi finestre, ci accorgiamo che ci sono gnomi a osservarci dall’alto dei tini, dalle vasche vuote tirate a lucido dopo l’imbottigliatura avvenuta in primavera, persino dalle bottiglie che riposano nell’archivio privato della cantina, quel posto magico dove ogni artigiana dell’uva conserva un campione di ogni annata: per raccontare, di vino in vino, il susseguirsi delle piogge, delle giornate assolate, del freddo dell’inverno, della magia della natura, e conservarne così la memoria.

barolo sara vezza langhe
Una bottiglia di Barolo del 1987 presa dall’archivio, con uno gnomo sull’etichetta, disegnata da Mamma Josetta

Vini di langa

Sara è una tuttofare. Va a vedere la vigna alle 6, poi arriva in cantina alle 9, prende un caffè con lo staff, poi torna a occuparsi dei suoi quattro figli, poi la si trova in cantina, dove è affiancata dal papà e da un’enologa, e infine in ufficio o nella sala degustazione. È qui che, anche noi, abbiamo modo di degustare i vini di Sara Vezza. Assaggiamo lo Spumante Rosato – macerazione brevissima sulle bucce e affinamento in acciaio che donano al vino freschezza e uno splendido colore – il Nebbiolo d’Alba – due anni di invecchiamento e un tannino ammorbidito da diciotto mesi in botte – e il Barolo Ravera – che trascorre una parte del suo affinamento in contenitori di porcellana. Assaggiando queste tre declinazioni di nebbiolo, questi tre modi diversi per fare il vino da uno stesso uvaggio, abbiamo la sensazione di scoprire, sorso dopo sorso, anche noi, tre strade che il sapere artigiano di Sara ha tracciato e che uniscono il passato e il futuro della sua cantina. Che poi, è anche quello che fanno tutte le storie…

Leggi la storia di Sara e degusta anche tu i suoi vini insieme a lei

visita cantina nadia verrua

Rosso Ruché: abbiamo fatto amicizia con il ‘vitigno misconosciuto e simpatico’ di Nadia Verrua

#viteincantina: siamo state a Scurzolengo, alla Cascina Tavijn, a bere ruché e a mangiare pasta di nocciole pura dal barattolo con Nadia Verrua

Di Nadia ricorderemo prima di tutto gli occhi. Azzurri, guizzanti, di quelli che quando li incontri non ti lasciano andare. E poi le mani, sempre affaccendate, tra i capelli che sfuggono all’elastico che li vorrebbe trattenere in cima alla testa, tra le foglie del filare, tra i bicchieri appoggiati sul tavolo di legno della cucina dove ci ha accolte per ripararci dal caldo dell’estate che entra nel vivo. A fine giugno siamo state a Cascina Tavijn – che è davvero una cascina, con l’aia, i muri di mattoni, la strada sterrata e le lenzuola stese al sole che profumano di pulito – per incontrare Nadia Verrua e la sua famiglia, quella con cui vive e quella che vive sulle sue bottiglie, nelle etichette realizzate da Gianluca Cannizzo. Conosciamo così anche Teresa e Ottavio, i genitori di Nadia – “Gli instancabili anche se vecchietti”, così ci si presentano – Stella, amica a quattro zampe, curiosa e fedele, e Caterina, la figlia che non è fisicamente con noi perché sta finendo di preparare gli esami di terza media, ma è come se lo fosse, nelle foto e nei racconti dei suoi familiari più adulti.

Nadia, la Bandita, Teresa, sua mamma, Ottavio, suo papà

Ruché e nocciole: degustazione con Nadia Verrua

La verità è che prima di conoscere Nadia, nemmeno sapevamo come si pronunciasse la parola “ruché”. Nella sua bocca il “ch” che arriva dopo la erre arrotolata è quasi aspirato e l’accento sulla “e” non apre la vocale, ma semplicemente ne alza la tonalità in un modo che è piemontesissimo. Nel suo libro Vino al Vino, lo scrittore e regista Mario Soldati definisce il ruché, autoctono piemontese, “un vitigno misconosciuto e simpatico” che è a tutti gli effetti “l’altra faccia del Piemonte” rispetto ai più conosciuti Barbera, Nebbiolo e Grignolino. Nadia lo propone in diverse versioni: in purezza per il Teresa base e il Teresa La Grande Riserva; e in blend nel 68 e nel MostRo rosato con altri uvaggi, sempre autoctoni piemontesi. Li assaggiamo dopo che Nadia ha avvinato i bicchieri, insieme alla pasta di nocciole che prepara lei stessa con i frutti dei tanti spettinati alberelli che, insieme alle viti, convivono sui suoi terreni. In questa pasta morbida, gustosa, che mangiamo direttamente dal barattolo e le cui note tostate trovano assonanze nel vino che stiamo degustando, ritroviamo la firma della Nadia artigiana.

Nadia avvina i bicchieri per la nostra degustazione

I vini di Nadia sono naturali, come lei (e la sua risata)

Nessun trattamento, nè in vigna né in cantina. Se gli acini fossero pronti, durante la nostra visita, potremmo mangiarli direttamente dalla pianta. Quando abbiamo raccontato la sua storia, Nadia ci ha detto di intendere il suo essere artigiana dell’uva come colei che accompagna l’uva nel racconto di se stessa attraverso il vino: solo ascoltandola, ci ha detto, si può imparare che il suo canto è sempre diverso e rappresentativo di ogni annata. Quando ci accompagna a vedere la cantina – un luogo piccolo, pulito, ingombro di tini in vetroresina e grandi vasche in cemento – ci ricorda che le sue decisioni produttive prevedono che qui possano agire solo lieviti spontanei, nessun elemento che può in qualche modo alterare il gusto, i profumi o il colore del vino.

La cantina di Cascina Tavijn

I vini di Nadia sono vini d’uva, punto. E di uva autoctona, recuperata, bandita, come la sua celebre Barbera. Vini coraggiosi che raccontano il territorio. Semplici nella composizione e complessi, da fare, come ammette Nadia ridendo con quella sua risata repentina e contagiosa, e anche un po’, forse, da capire. “Negli ultimi anni c’è sempre un po’ questa moda dei vini naturali”, ci ha detto rientrando verso casa dopo una passeggiata per i vigneti di ruché, “Ma credo non si parli mai abbastanza di agricoltura. Soprattutto in questa fase di cambiamento climatico, quando sono da rivedere i piani colturali e di vinificazione, e non sempre preservare la qualità di un vino si può fare in modo naturale, ho fatto e confermo la scelta dei vini naturali perché per me da sempre sono espressione del territorio e della personalità del vignaiolo. O della vignaiola, come nel mio caso”.

Leggi la storia di Nadia e degusta i suoi vini accompagnati dalla sua voce

tenuta mazzolino visita in cantina

Sapore d’estate a Tenuta Mazzolino

#viteincantina da Francesca Seralvo in Oltrepò Pavese a Tenuta Mazzolino

Tenuta Mazzolino si trova a Corvino San Quirico, sulla punta di una collina. Attorno, i vigneti di proprietà della famiglia, la maggior parte coltivati a pinot nero e chardonnay, oltre all’autoctono bonarda. Quando abbiamo raccontato la storia di Francesca Seralvo, lei ci ha raccontato che qui suo nonno, francese, arrivato in Italia negli anni ’60 e fondatore della cantina, voleva ricreare un angolo di Borgogna. Scendendo dall’auto che ci ha portate alla bellissima villa, appena restaurata, iniziamo a capire che cosa intendesse: c’è un ricchissimo roseto, un profumo inebriante e, poco più in là della piscina, i filari e, oltre, la pianura, che grazie alla giornata quasi estiva ci fa intravedere persino l’arco alpino.

#viteincantina da Tenuta Mazzolino

La nostra visita alla cantina, parte da qui. Francesca ci racconta che il nome Mazzolino deriva dal toponimo di quel luogo, il latino Mansiolinium, che significa punto di ristoro, punto di incontro. Non potevamo avere auspicio migliore per la giornata che stiamo per vivere! Mentre passeggiamo nel roseto, Francesca ci ricorda che la cantina oggi produce circa novantamila bottiglie e che coltivano una superficie vitata di venti ettari, suddivisi in trentanove particelle, tutte in regime di agricoltura biologica. Sotto di noi, mentre parliamo, guardiamo ordinati i filari di pinot nero, coltivati secondo la tecnica del sovescio, ancora visibile in questa stagione, secondo cui viene piantato a filari alterni un insieme di piante – fiori di campo e legumi in particolare – per arricchire il terreno e per mantenerlo fresco in previsione del caldo estivo che si aspetta tra poche settimane. “Il grande lavoro che facciamo in vigna”, ci dice Francesca, “ci consente di arrivare in cantina con uva pressoché perfetta. In cantina, la vera fatica allora, sarà quella di non rovinarla, ma di esaltarla al massimo”.

La barricaia dove affina il Noir Pinot Nero

Perché sul muro ci sono due galli?

I due galletti ruspanti sono il simbolo della Tenuta. Il nonno ha raccontato a Francesca che li ha scelti perché, la prima volta che salì su questa collina, trovo due galli ad aspettarlo. Il logo è stato disegnato negli anni settanta dal grafico Giacomo Bersanetti, genero di quel Luigi Veronelli che è riconosciuto tra i padri della gastronomia italiana, a cui il nonno di Francesca chiese di disegnare l’etichetta. Poiché, allora come oggi, l’Oltrepò era apparso al Bersanetti piuttosto confuso, con i suoi appezzamenti “messi giù” dai contadini secondo convenienza, più che per un progetto di qualche pesaggista, egli decise di riempire il contorno dei due galli con linee tratteggiate e discontinue, a simboleggiare l’anima, disordinata e irruente, di questa terra. E dei suoi vini.

Il Noir di Tenuta Mazzolino è perfetto accompagnato da una fetta di torta al cioccolato con mousse al cioccolato fondente

Una volta in cantina, capiamo cosa intende Francesca. L’ambiente è pensato per aiutare il lavoro di tutte le persone che collaborano con Tenuta Mazzolino. I dipendenti sono dodici in tutto, tra cui molte donne. Due consulenti esterni, entrambi francesi (per portare avanti il sogno del nonno, sorride Francesca), si aggiungono nei momenti clou della produzione del Noir, il Pinot Nero in purezza che è simbolo di Tenuta Mazzolino, e della produzione degli spumanti Metodo Classico, sia il Blanc de Blancs, 100% da uve chardonnay (entrambi sono nel cofanetto degustazione di Francesca) sia il Cruasè, il rosato da uve 100% Pinot Nero il cui peculiarissimo color rosa intenso è ottenuto lasciando il mosto a contatto con le bucce per sole sei ore (e di cui sia io che Agnes facciamo in modo, a fine visita, di accaparrarci due bottiglie ciascuna. Lo sapete, abbiamo una passione per il rosè).

“Casa nostra è aperta a tutti perché̀ senza socialità̀ e senza inclusione non c’è vino”, il brindisi di Francesca con un bicchiere di Cruasè

Dalla barricaia torniamo sulla terrazza della villa ottocentesca, appena restaurata e riportata allo splendore di quando i nonni di Francesca vivevano qui. In queste stanze dalle grandi finestre, dove la luce del sole rimbalza elegantemente sui pavimenti di ceramica e sui quadri di pittori italiani e francesi dei primi del Novecento, il sogno di Francesca di fondare un piccolo WineClub, che si potrà riunire in queste stanze, prenderà vita nel corso dell’estate: noi ci mettiamo subito in lista e tu?

Degusta i vini di Francesca insieme a lei: visita la pagina dedicata alla sua storia

com'è il corso per sommelier ais

Ho iniziato il corso per diventare sommelier ed è molto più tosto di quanto mi aspettassi

Il riassuntone dei take away di Vera dalle prime cinque lezioni del corso AIS

Io e Agnes, da che è nato Vite Storie di Vino e di Donne, abbiamo sempre detto: siamo due amiche appassionate di vino (intendendo che ci piace molto berlo e ancora di più berlo insieme) e non siamo esperte (intendendo che la nostra conoscenza si ferma laddove la bottiglia finisce). E questo è diventato un elemento comune, non solo tra noi, ma anche con le persone che ci seguono, che sempre di più sono persone a cui il vino piace e a cui piacciono le belle storie.

Perché allora ho sentito il bisogno di fare il corso per diventare sommelier?

Perchè andando avanti, mi sono resa conto che per raccontare meglio le storie delle artigiane dell’uva, avevo bisogno di conoscere meglio quella parte del loro mestiere che mi aveva sempre affascinato, ma che non avevo mai potuto capire fino in fondo. Quando, infatti, sono tornata a casa dalla prima lezione, e ho condiviso su Instagram il primo elenco dei miei take away, mi ero sin da subito resa conto di aver ascoltato, osservato, rispettato, i gesti e il sapere di queste donne, senza mai coglierne davvero l’essenza profonda. Quella sera, in una storia, ho scritto: imparare queste informazioni su come si fa il vino, è come conoscere per la prima volta la storia di un vecchio amico.

corso sommelier ais lezioni

Ho deciso, allora, di raccogliere qui le 5 cose che ho imparato in queste prime 5 lezioni di corso. Non mi soffermerò sugli aspetti tecnici – quanto dura (3 mesi), quante lezioni sono (15), cosa impari a fare (le basi di viticoltura, enologia e la tecnica della degustazione) – perché tanto è tutto qui sul sito dell’Associazione Italiana Sommelier. Ma racconterò le cinque cose che non mi aspettavo e che stanno rendendo questo corso super tosto e, insieme, super interessante.

1) La regola d’oro della sommelierie è: bere, bere e bere

Nonostante negli ultimi due anni, grazie a Vite e #viteincantina soprattutto, io abbia assaggiato molti più vini che negli anni precedenti, mi sono resa conto che, comunque, la mia conoscenza risulta limitatissima. In Italia esistono infatti più di 350 denominazioni di origine controllata e protetta e ci sono più di 255mila aziende vitivinicole (il cui 30% gestito da donne). Un’immensità che spaventa e che, ogni qualvolta qualcuno accanto a me riusciva a identificare il vino che stava bevendo, mi faceva sentire davvero una pivellina. Il bicchiere mezzo pieno? A venirmi in aiuto quella che mi è stata presentata come la regola d’oro della sommelierie, cioè: l’unico modo per conoscere il vino è berne il più possibile. E, questa, è certo, è qualcosa che anche una pivellina come me sa fare.

2) Per fare un buon vino, serve una buona uva. Per fare un vino ottimo, serve un’uva eccellente

All’uva, a com’è fatta, a come si coltiva e a cosa contiene, sono dedicate circa tre lezioni. Se, magari durante l’infanzia, avete avuto la fortuna di poter assaggiare i fiori della vite, di succhiare l’acidulo dei germogli e di rubare gli acini maturi salendo, in piedi, sul tavolo sotto al bersò, allora, in questo caso, siete avvantaggiate e avvantaggiati come è stato per me. Anche perché, essendo io nata e cresciuta in campagna, con un nonno che coltivava orti e amava prendersi cura della terra, ho sempre avuto una bella consapevolezza di quel che ci vuole per lavorarla, tutto l’anno, senza vacanze, anche quando piove o fa freddo e il terreno è duro, gelato, e quando arriva la grandine e si perde tutto, son lacrime e parolacce. Pivellina 2, gente già esperta che sa già un sacco di cose 1. Sapere tutto questo e poter conoscere la scienza che c’è dietro questo sapere contadino, mi ha affascinata moltissimo. E ha accresciuto il mio rispetto per chi fa questo mestiere e per chi coltiva la terra e fa il vino: se pensate che sia facile, perché, tanto, bisogna solo ripetere gli stessi gesti tutti gli anni, o ci sono i macchinari che vengono in aiuto, non è così. Osservare le stagioni, saperne cogliere i segnali, agire con in testa un obiettivo (che si chiama proprio obiettivo enologico) conoscere la terra, la chimica di cui è composta, la fisica che rende possibile certi meccanismi naturali, è un sapere profondo e sfaccettato. La mia ammirazione e il mio rispetto a chi lo padroneggia (e mio nonno, da lassù, sono certa che, ora, sorride beffardo come a dirmi: hai capito adesso è, il perché di tanta fatica?).

3) Tutto fa naso, eccetto il mio naso dopo le 22:00

Studiare, nel senso comune del termine – cioè, quello che abbiamo imparato a scuola – mi è del tutto inutile in una degustazione. I profumi, infatti, si imparano a riconoscere annusando, non leggendo i loro nomi su un libro. E, tuttavia, mi ostino a prendere appunti come facevo all’università. È un sapere diverso, senza dubbio, quello dei sensi. Si attiva per tentativi, si perfeziona con la ripetizione, è l’unione tra esperienza e consapevolezza che genera il sapere. Mi spiego: durante la degustazione di un vino bianco, alla domanda del relatore “che cosa sentite?”, qualcuno ha risposto “laicis”. Posto che, a casa mia, in pianura padana, quel frutto cinese che sembra un bulbo oculare (questo) si scrive “litchi” e si pronuncia “lici” al singolare e al plurale, proprio perché mi ricorda quella parte di corpo umano, penso di averlo assaggiato una volta soltanto quando ero bambina. E poi basta. Dunque, come potrebbe mai il mio cervello associare quell’odore, che pure riconosce nel vino, a quello di un frutto che non ho mai assaggiato? Dunque, ho capito che, non solo devo rimettermi a mangiare i litchi, ma devo iniziare ad annusare le banane acerbe, le ciliegie sotto spirito, il tabacco, il cuoio, l’arancia sanguinella, il ribes nero! Insomma, si prospetta una primavera molto interessante.

corso sommelier lezioni

Infine, ho scoperto che, dopo una certa ora, la sera, per me è impossibile distinguere sapori e odori: ed è la conferma che il mio cronotipo è quello dell’allodola (come spiega benissimo Chiara Battaglioni in questo articolo, il cronotipo è la predisposizione o preferenza a svolgere al meglio determinate attività in un certo momento della giornata; le allodole al mattino, i gufi la sera). Dunque, forse, dovrei iniziare a bere alle 7 di mattina.

4) Quelle cose che dicono i sommelier nei video in realtà le dicono davvero, con due MA che cambiano tutto

Restando in tema di odori e sapori, quello che dicono i sommelier-di-Instagram è davvero quello che si dice durante una degustazione. Ma, ci sono ben due MA, che cambiano tutto. Il primo è che, anzitutto, queste cose non vengono dette ad alta voce: chi degusta il vino, infatti, ha una scheda tecnica molto complessa da compilare, che si compone di diversi parametri e più di cento criteri per descrivere un vino e decretarne la qualità. Quel che ne esce è un punteggio espresso in centesimi, che dovrebbe essere rappresentativo del giudizio sulla qualità di un certo vino, in relazione alla tipologia a cui appartiene.

Il secondo MA è che, se è vero che questi parametri e criteri sono quasi oggettivi – perché si basano sulle percezioni visive, olfattive e gusto-olfattive e, a meno di incredibili differenze culturali o fisiche, tendenzialmente avremo tutte e tutti le stesse – , tutto ciò che è invece legato alle sensazioni, poiché mediato dalle nostre particolari esperienze, è soggettivo. Dunque, se la prossima volta che partecipi a una degustazione non senti il litchi, o l’arancia sanguinella, o il tabacco, non ti crucciare. L’importante è che tu sappia giudicare la qualità di quel vino sulla base delle tue percezioni. Poi, sul resto, puoi sempre esercitarti.

5) Resto umile e vado avanti

E lo dico a te che mi leggi perché lo sto dicendo spesso anche a me stessa. Avevo iniziato su Instagram a raccontare di volta in volta come andava questo corso. Poi mi sono fermata. Quando mi sono resa conto che non riuscivo a sentire quel che pensavo di dover sentire, mi sono impaurita e ho detto a tutte e tutti voi: facciamo che mi fermo un attimo e vi racconto quando sono un po’ più bravina? Credo di aver sbagliato. Mi sono resa conto che quando si fa qualcosa per la prima volta, tocca non tanto di essere pre-disposte e prefisposti a quella cosa, quanto essere dispostə a scoprirla, anche se richiede di rinegoziare il nostro modo di imparare. Dunque, non doveva interessarmi tanto la mia incapacità di sentire quel sapore o quell’aroma, quanto, la modalità più efficace per imparare a sentirlo. Dato che, da quel che ho capito, il modo migliore è di annusare, annusare, annusare e bere, bere, bere, queste sono due cose che sicuramente posso fare. E che sarà un piacere per me continuare a raccontarvi!

visita in cantina da lungarotti

Visita in cantina da Lungarotti: dove il vino è di casa

Questa volta l’amore per il vino ci ha portate in Umbria, a Torgiano, da Chiara Lungarotti e al Museo del Vino

Si dice che Henry James, autore di Ritratto di Signora, dopo aver trascorso un felice periodo in Umbria, scrisse: “Forse farò un favore al lettore dicendogli come dovrà trascorrere una settimana a Perugia. La sua prima cura sarà di non avere fretta, di camminare dappertutto molto lentamente e senza meta e di osservare tutto quelli che i suoi occhi incontreranno“. Arrivate a Torgiano, piccolo borgo tra le colline dove ha sede la storica cantina Lungarotti, abbiamo subito seguito il consiglio di James ed ecco cosa abbiamo visto.

Filari, filari, filari e poi castelli e borghi medievali

Siamo andate a trovare la nostra artigiana dell’uva Chiara Lungarotti

Quando si dice una “cantina al femminile”. Oggi l’azienda Lungarotti è guidata da Chiara, che è Amministratore Delegato, mentre sua sorella Patrizia, enologa – la prima in Italia – sovrintende la creazione di ogni vino e cura ogni annata con competenza, amore e dedizione. Al loro fianco una squadra di donne che le affiancano in tutte le fasi e i luoghi della produzione del vino e dell’accoglienza. Al marketing c’è Grazia – c’è lei dietro ai cofanetti che ricevete – in enoteca c’è Mercedes, che ci consiglia anche un buonissimo ristorante dopo la nostra visita, e in cantina incontriamo Maria, la più giovane della squadra Lungarotti, appena assunta dopo lo stage.

Eccola, mentre ci mostra l’area della cantina dove avviene la fermentazione in bottiglia degli spumanti

Maria ci conduce in tutte le parti della cantina Lungarotti e ci accompagna in ogni fase produttiva del vino. Tanto che ci sentiamo due grappoli in vendemmia! Ci divertiamo nell’osservare le grandi deraspatrici all’esterno, a sbirciare all’interno delle botti d’acciaio dove il vino ha iniziato a fermentare, ad annusare l’aria carica del profumo del mosto che si respira in bottaia tra le tonneaux. Nella sala dove, per anni, venivano lasciati i grappoli a fermentare e che oggi ospita gli incontri formativi con le scuole, lasciamo il nostro nome sul muro insieme alle firme delle tante persone venute in visita. Camminiamo in silenzio per le sale dove avviene la fermentazione in bottiglia, rabbrividendo all’ambiente mantenuto in temperatura, fino all’imponente sala dell’imbottigliamento dove possiamo soltanto immaginare il rumore che, quando l’apparecchio è in funzione, sovrasta pensieri e parole.

Nella sala dell’imbottigliatura nuovo e antico coesistono: sopra alla macchina usata oggi è ancora presente il primo imbottigliatore che portava le bottiglie a coppie dalla sala di fermentazione fino a qui, passando dall’etichettatrice

Lasciamo la cantina e degustiamo: i vini di Chiara Lungarotti

Maria ci accompagna anche nella degustazione, che conclude in bellezza la nostra visita alla cantina. Lungarotti produce ventinove etichette e due milioni di bottiglie ogni anno. Poiché noi ne conosciamo tre – il L’UM rosso, che è presente nel cofanetto degustazione di Chiara, il suo gemello in bianco il L’UM bianco, e il Rubesco (di cui avevamo parlato anche su Instagram in questo post) – chiediamo di poter degustare i vini che non conosciamo, ma che sono significativi per la storia di Chiara e della sua famiglia.

I vini che degustiamo da Lungarotti

Il vitigno umbro per eccellenza, il Sangiovese, è il protagonista di questa selezione, insieme agli autoctoni Grechetto e Trebbiano. Apprezziamo particolarmente il Brezza Rosa, un Umbria Rosato IGT dal gusto fresco ed elegante, che eleggiamo immediatamente come il nostro nuovo preferito per gli aperitivi di fine estate, magari in accompagnamento ai salumi e ai formaggi umbri. L’Aurente, invece, è il preferito di Maria, un vino bianco che si caratterizza per il colore dorato, caratteristica peculiare di questo vino da cui prende il nome. Chiudiamo la degustazione con un assaggio di Rubesco Riserva, un vino che è considerato come uno dei migliori rossi italiani, e che ci conquista con il suo cuore rosso rubino proiettandoci già verso l’autunno negli abbinamenti: ce lo immaginiamo degustato a cena, con lo scoppiettio del camino in sottofondo, ad accompagnare primi corposi e piatti a base di carne.

Le grandi tonneaux, dove inizia la vita del Rubesco

Le visite in cantina ci piacciono tutte. Ma forse il nostro momento preferito è proprio quello della degustazione. Tra profumi, colori, sapori, mentre il vino volteggia nei bicchieri e noi ci sentiamo coraggiose nel suggerire con parole che iniziamo a far nostre quello che con i nostri sensi sentiamo soltanto – è rubino, ha una nota eterea, ha una buona persistenza – sentiamo davvero che questo è il momento in cui davvero avviene l’incontro non solo con colei che ha prodotto il vino, ma anche con il territorio da cui entrambi provengono.

Visitiamo il Museo del Vino per scoprire come tutto ebbe inizio

Il profondo legame tra vino, persone e territorio costituisce le radici del Museo del Vino, voluto dalla madre di Chiara, Mariagrazia Lungarotti, che ha sede proprio a Torgiano a circa dieci minuti a piedi dalla cantina Lungarotti. È qui che ci dirigiamo una volta conclusa la nostra visita in cantina. Il Museo è stato fondato nel 1974 e oggi è gestito dalla Fondazione Lungarotti con l’intento di raccontare i significati e l’interesse millenario per il vino, attraverso manufatti, pratiche e tradizioni, tra viticultura, arte, religione e medicina.

Fotografia conservata nel Museo del Vino e risalente agli anni ’60 del Novecento. A dimostrare come le donne sono sempre state in prima linea nella coltivazione e cura della vita e nella produzione vitivinicola insieme agli uomini

Il percorso ripercorre la storia d’amore tra l’umanità e quello che gli antichi chiamavano il nettare degli dei. Qui impariamo a conoscere la cultura della vite e l’uso del vino nel passato, secondo usi e tradizioni nate in Umbria e che si ritrovano poi in altre comunità umane. Le numerose testimonianze presenti nel museo, che ci divertiamo a osservare incuriosite, indicano senza ombra di dubbio che laddove c’è una comunità umana, c’è sempre anche il vino.

Exlibris conservato nel Museo del Vino di Torgiano

Scopri la storia di Chiara Lungarotti e degusta i suoi vini accompagnata dalla sua voce

vite in cantina venturini baldini

#viteincantina: una giornata da Venturini Baldini

24 ore insieme a Julia Prestia

C’è chi dice (Agnes) che le decisioni prese all’ultimo sono le migliori. E c’è chi (io) pur non credendoci nemmeno un po’ sì lascia trascinare. E, così, ci siamo ritrovate su un treno per Reggio Emilia un venerdì pomeriggio per raggiungere la Tenuta Venturini Baldini, sui colli reggiani. Ospiti di Julia Prestia per una sola giornata, ma tutta da ricordare.

ore 16:00 – arrivo alla dimora storica di Roncolo 1888

Quando l’abbiamo conosciuta era lo scorso novembre. Era venuta a Milano per Wine Up Your Life e aveva raccontato la sua storia al pubblico milanese intervenuto per il nostro primo evento. Julia Prestia è una donna alta, con gli occhi che brillano, un sorriso largo e accogliente; le mani, che tradiscono chi lavora lontano dalla scrivania, la postura fiera di chi sta facendo esattamente quel che desidera e che si trova esattamente dove vuole essere. Appena messo piede nella sua Tenuta, di fronte alla villa di Roncolo 1888, il wine relais di Venturini Baldini, abbiamo capito perchè.

Parlando di questo luogo, immerso nelle colline, Julia ci ha detto: “ho realizzato il mio sogno”. Cresciuta in Austria, ha lavorato a Londra ed è arrivata in Italia nel 2015 insieme a suo marito Giuseppe e ai loro quattro figli. Ha scelto questa tenuta, nelle Terre di Canossa, per creare un luogo dove si produce vino, secondo le antiche tradizioni, e dare vita a prodotti eclettici, reinventando quella stessa tradizione. “Quando hai una buona materia prima”, ci dirà Laura durante la visita alla Cantina Storica “te lo puoi permettere”. Ma è solo il nostro arrivo e tocca di prepararci per l’aperitivo.

ore 18:00 – aperitivo in vigna e bollicine sotto le stelle

Come scopriamo subito, discendendo a piedi la collina per raggiungere il prato antistante l’altra Cantina, quella dove oggi si concentra la gran parte della vinificazione di Venturini Baldini, l’aperitivo del venerdì sera è un evento atteso a cui partecipano persone da tutto il circondario. E come dar loro torto: la magia che si respira, sdraiate sotto al cielo che inizia a tingersi di viola al crepuscolo, con un bicchiere di Cadelvento Spumante Brut Blanc de Blancs DOP, è impagabile. Trascorriamo qui tutta la sera, con la musica del dj set in sottofondo e le colline ad abbracciare l’orizzonte.

ore 11:00 – giro della Cantina Storica di Venturini Baldini

La mattina dopo decidiamo di dedicarla alla scoperta della Cantina Storica, situata sotto il corpo centrale del Relais. La nostra guida è Laura e insieme a noi c’è un gruppo di ospiti, europei e americani, che restano ammirati dalla bellezza del luogo. Quattro stanze, dai soffitti bassi e dal profumo di mosto, caratteristiche tipiche delle cantine dell’alto centro Italia. Qui, nei tonneaux e nelle più piccole barrique, fermentano i vini rosati e il TERS Malbo Gentile, un vino ottenuto dalla vinificazione ferma delle uve che solitamente si utilizzano per ottenere il Lambrusco. Il TERS è una delle scommesse che Julia ha voluto fare al suo arrivo a Venturini Baldini e oggi, questo vino molto particolare, ha anche una versione in bianco ideale per l’aperitivo.

La parte della Cantina che preferiamo è quella dove vengono conservate tutte le bottiglie prodotte da Julia sin dal suo arrivo alla Tenuta. Ci racconta che, per lei, questo luogo è come un diario del vino, che poi è come se fosse il diario delle persone che vivono qui: una bottiglia contiene la storia del territorio, sa raccontare com’è stato il tempo quell’anno, se la vendemmia è stata gentile oppure no. Noi rimaniamo affascinate e ci divertiamo a osservare gli ospiti che restano in muta ammirazione di fronte alle bottiglie più antiche.

ore 15:00 – Cadelvento Lambrusco Spumante Rosè a bordo piscina

Verso l’ora di pranzo ci dirigiamo verso la piscina del relais. Non per nulla è l’estate più calda degli ultimi anni e noi non siamo di certo piante di vite, abituate a resistere anche sotto il sole più cocente… Decidiamo di pranzare con un tagliere di salumi e formaggi del territorio – non per niente siamo in Emilia Romagna, terra di parmigiano e prosciutto crudo – accompagnato da una bottiglia di Cadelvento Lambrusco Spumante Rosè ghiacciato.

Trascorriamo così (sì, come nella foto) tutto il pomeriggio e ci chiediamo perché nelle nostre vite non ci sono più spesso 24 ore fatte così. Tra vino, chiacchiere, storie e buon cibo (e una piscina tutta per noi). Per fortuna, i vini di Julia sono presenti su Vite e per chi li acquista c’è la possibilità di fare una visita in cantina. Vero che è una vera fortuna?

Lasciati ispirare dalla storia di Julia e acquista i suoi vini: per andare alla pagina clicca qui.

Grazie a Julia Prestia e a Roncolo 1888 per l’ospitalità.

giro cantine degustazione italia

Giro per cantine? Dove trovare le artigiane dell’uva

Le artigiane dell’uva sono la destinazione perfetta per i weekend d’estate: ti aspettano in tutta Italia per aprirti le loro cantine e farti degustare i loro vini

Con queste temperature, in attesa delle tanto agognate vacanze lunghe, dal lunedì al giovedì la domanda più gettonata è: che cosa fai questo weekend? Il nostro consiglio è sempre lo stesso: un bel giro per cantine! Quelle delle artigiane dell’uva, of course, sparse in tutta Italia e pronte ad accoglierci per una gita in giornata, un weekend di relax o uno dei tanti addii al nubilato che affollano le nostre agende. Molte infatti non sono solo cantine, ma offrono possibilità di accoglienza di diverso tipo, fino al relais perfetto per un retreat a base di vino e bellezza.

Come si organizza un giro per cantine?

Chiacchierando con le nostre amiche, sembra che l’aspetto più difficile sia quello di sapere da che parte cominciare. Se, infatti, non siamo esperte di vino, e volessimo, per esempio, fare una ricerca su Google o su Instagram, le migliaia di risultati che troviamo, anche solo nella nostra regione, farebbe desistere chiunque. Il primo consiglio che ci sentiamo di darvi, se volete organizzare un giro per cantine e non sapete come fare, è quelo di scriverci, dato che, come sa chi ci segue anche sui nostri profili personali, spesso siamo in giro e amiamo condividere spunti e consigli utili a chi ce lo chiede (e qui vi ricordiamo che a questa mail rispondiamo entrambe e subito: info@vitestoriedivinoedidonne.it).

Il secondo consiglio è quello di fare una ricerca geolocalizzata nel luogo dove vorreste andare. Con i suoi 341 vini DOC e 78 vini DOCG, l’Italia è uno dei Paesi con la produzione di vino più diversificata al mondo. Potremmo quasi dire che, così come ogni borgo ha il suo dialetto, così ha anche il suo vino. Dunque, se da un lato questa varietà può confondere, dall’altro, abbiamo la sicurezza che ovunque sarà la meta del nostro giro fuori porta, probabilmente poco lontano ci sarà qualche cantina da visitare.

Una volta aperto Google e aver fatto la ricerca “cantine NOME POSTO DOVE VOGLIO ANDARE”, che fare? Il primo passo è visitare il sito web per vedere se la cantina offre esperienze di visita o di degustazione predefinite. Oppure, si chiama e si chiede se sono disponibili quel giorno a quell’ora per farvi fare un giro in cantina. Poiché, come amano dire anche le nostre artigiane dell’uva, la terra non conosce Natale o domenica e si lavora tutti i giorni, per non mettere in difficoltà la persona con cui stiamo parlando, è sempre meglio telefonare per tempo e accordarsi per il momento del weekend più comodo per entrambe le parti.

lefiole vini degustazione oltrepo
Noi durante la nostra visita in cantina da Elisa e Silvia Piaggi di Lefiole

Come prepararsi per un giro per cantine

Se hai in mente di visitare più cantine nello stesso giorno o fine settimana, considera sempre che per una visita in cantina fatta bene, che ti consenta cioè non semplicemente di degustare il vino, ma anche di ascoltare la storia di chi lo ha prodotto, conoscere il territorio e assaporare il contatto con la natura, che fa sempre bene, dovrai dedicare almeno tre ore. A nostro parere, l’orario migliore è il tardo pomeriggio: perché il giro in vigna sarà sotto un sole più clemente, si arriverà alla degustazione all’orario dell’aperitivo e le foto con la golden hour sono le più spaziali!

Indossa abiti leggeri e scarpe comode, se la visita prevede anche una passeggiata nelle vigne, e se per caso hai deciso di visitare una cantina al mattin e una al pomeriggio, occhiali da sole e un cappello di paglia. Molte cantine, soprattutto quelle storiche, hanno anche una bottaia o delle sale archivio dove la temperatura deve essere mantenuta attorno ai 20 gradi: dunque, anche una felpina non è mai una cattiva idea.

Dulcis in fundo, la degustazione. Se non ci sono esperienze di visita predefinite, puoi chiedere il numero e la tipologia di vini previsti in fase di prenotazione. E se hai paura di esagerare, non preoccuparti, solitamente questo momento, che è tra i nostri preferiti, è sempre accompagnato da prodotti del territorio. Perchè, come amano dire le nostre artigiane, il vino è solo una delle tante espressioni di una terra.

picnic in vigna colli tortonesi
Il meraviglioso pic nic in vigna di Alice Castellani di Cascina Giambolino

In giro per le cantine delle artigiane dell’uva: mappa e itinerari

Se hai bisogno di ispirazione o se, semplicemente, hai piacere ad andare a visitare cantine al femminile, cioè condotte da donne e dove le donne svolgono un ruolo primario nella produzione e creazione del vino, sei nel posto giusto. Clicca qui per vedere la mappa di tutte le artigiane dell’uva oppure continua a leggere per consigli di itinerario a seconda dell’area geografica.

Le artigiane dell’uva del sud Italia

cantine donne calabria sicilia campania
Mare e un bicchiere di vino al crepuscolo, what else?

Se hai già programmato le vacanze in Italia, non c’è niente di meglio per concludere in bellezza la giornata con una visita in cantina e conseguente degustazione. In Campania, Cristina Varchetta di Cantine Astroni propone una passeggiata tra le vigne nel meraviglioso territorio dei Campi Flegrei. Tra i suoi vini più rappresentativi, presenti anche nel suo cofanetto degustazione che trovi anche qui su Vite, il Pedirosso Colle Rotondella, un vitigno autoctono capace di regalare grandi emozioni, anche d’estate. In Calabria, Filomena Greco di iGreco produce un vino dal colore del sole, e che prende il suo nome, in una valle verde e fresca grazie ai venti che provengono dal mare; qui, insieme alla sua famiglia, propone cinque esperienze di degustazione di vino e olio. Infine, in Sicilia, a Marsala, le sorelle Giovanna e Rosanna Caruso di Caruso e Minini propongono sei differenti esperienze di enoturismo alla scoperta dei prodotti del territorio in abbinamento fino a sei dei loro buonissimi vini. Per una pausa con i fiocchi tra un tuffo e l’altro.

Le artigiane dell’uva dell’Oltrepo Pavese

cantine donne oltrepo pavese pinot nero
La splendida vista sull’Oltrepo Pavese

Ancora a Milano? Se, come noi, sei ancora in città e le tue ferie sono ancora lontane, le nostre quattro artigiane dell’Oltrepo Pavese sono pronte ad accoglierti. Lefiole, a Montalto Pavese, organizzano eventi serali e pomeridiani di degustazione e di scoperta delle loro terre, da cui passa anche il 45esimo parallelo; oppure, la degustazione consueta, come quella che abbiamo provato anche io e Agnes, prevede un viaggio alla scoperta di tutti i loro vini abbinati a prodotti a km 0. Altre due sorelle, Laura e Patrizia Torti di Torti Wines, organizzano pic nic in vigna super romantici a Montecalvo Versiggia, nel cuore dell’Oltrepo, a soli 40 minuti da Milano. Francesca Seralvo, della Tenuta Mazzolino, accoglie singoli e gruppi per una visita della cantina che può essere totalmente personalizzabile. Tenete d’occhio i suoi canali social per conoscere le prossime date di aperitivi e cene in vigna. Caterina Cordero, di Cordero Sangiorgio Winery, è l’ultima artigiana arrivata su Vite e propone visite in cantina alla scoperta dei tesori dell’Oltrepo, a partire dal suo pinot nero (che prende il nome della madre dei draghi).

Le artigiane dell’uva del centro Italia

cantine donne vino toscana umbria
I vigneti di Fattoria La Maliosa in Maremma

Il sole infuoca gli aperitivi in vigna di Fattoria La Maliosa, chez Antonella Manuli, a Saturnia nel cuore della Maremma. Non solo semplici visite e degustazioni, accompagnate da prodotti maremmani, ma anche un winebar pronto a stupire e una starbox tra i filari dove addormentarsi sotto il cielo trapuntato di stelle. In Umbria, invece, tra Torgiano e Montefalco, Chiara Lungarotti di Lungarotti Wine propone visite in vigna e in cantina di diverso tipo, insieme alla scoperta del primo Museo del Vino e dell’Olio d’Italia, fondato dalla madre. Accanto alla cantina, anche un agriturismo che offre un’ospitalità d’eccezione, e splendide cantine che fanno da sfondo agli eventi che popolano la tenuta per tutta l’estate.

Le artigiane dell’uva del nord est

cantine donne emilia romagna veneto
Cos’hanno in comune Veneto ed Emilia Romagna? Mare a parte, il rosè ovviamente

Vino, arte e relax: è la ricetta di Julia Prestia per l’estate dell’enoturismo di Venturini Baldini a Roncolo, in Emilia Romagna. Alle consuete visite in vigna, cantina e nell’acetaia, si aggiunge un aperitivo musicale ogni mercoledì sera e un festival artistico fino a metà agosto. Il relais è stato pensato per accogliere gli ospiti in un’atmosfera da fiaba super rilassante. Se invece siete in vacanza sul Lago di Garda, una visita al borgo medievale di Lazise e alla tenuta della famiglia di Erika e Giorgia Marchesini è d’obbligo: da Marchesini Winery c’è sempre infatti l’occasione di conoscere il chiaretto in tutte le sue sfumature.

Le artigiane dell’uva del Piemonte

 cantine donne vino piemonte langhe tortona gavi
Durante l’ultimo giro per cantine in Piemonte

Langhe, colli tortonesi e Gavi: neanche a farlo apposta, le nostre artigiane dell’uva piemontesi si trovano in tre dei territori più meravigliosi d’Italia. Chiara Cane, dell’Azienza Agricola Fratelli Ferro, ha un Nebbiolo che è un sogno (e che stiamo convincendo a portare anche in Vite in un cofanetto in edizione limitata solo per la nostra community!) e vi aspetta nel cuore delle Langhe, a Santo Stefano Belbo, per una visita tra i filari. Poco lontano, nell’astigiano, Nadia Verrua, della Cascina Tavijn, produce vini naturali e propone una visita in cantina genuina, come le sue creazioni. Chiara Soldati, di La Scolca, propone esperienze esclusive alla scoperta dei vini del Gavi, da provare! Infine, Alice Castellani di Cascina Giambolino, propone un super romantico pic nic in vigna come quello che abbiamo provato io e Agnes durante il nostro ultimo giro per cantine in Piemonte.

Le artigiane dell’uva dell’Abruzzo

cantine donne abruzzo
La vista sulle vigne di Montupoli della Tenuta I Fauri

In Abruzzo c’è solo l’imbarazzo della scelta. Valentina di Camillo di Tenuta I Fauri offre la possibilità di una visita in cantina e in vigna oltre alla possibilità di pernottare in un bellissimo agriturismo con piscina. Poco lontano, Simona di Candilo di Tenuta Oderisio propone i suoi vini in abbinamento a un tagliere di prodotti a km0 dopo una passeggiata per la vigna e le cantine. Dulcis in fundo, Mariapaola di Cato, dell’Azienda Agricola di Cato, si trova nell’antico borgo di Vittorito: qui il profumo di vino è sempre nell’aria e lei è pronta ad aprire le porte delle sue terre e della sua cantina per degustazioni dal sapore familiare.

Clicca qui per vedere la mappa con tutte le artigiane dell’uva. E se andrai in giro per le loro cantine facci sapere come va: condividi le tue esperienze con l’hashtag #viteincantina

vite storie di vino e di donne associazione

Vite Storie di Vino e di Donne è un’associazione

Dallo scorso 13 maggio il nostro impegno per sostenere le donne, quelle che amano il vino e quelle che lo producono, ha una marcia in più (e, finalmente, anche una forma giuridica)

Due estati fa, più o meno in questo periodo, ci trovavamo in vacanza in Oltrepo Pavese. Era domenica sera, eravamo sulla terrazza dell’Enolocanda di Stefano Milanesi, con di fronte un tramonto che infuoca tutta la pianura e alle spalle un weekend di chiacchiere e di presa di consapevolezze. Possiamo dire che quella sera nacque Vite, il nostro progetto del cuore che ci ha dato la possibilità, nell’ultimo anno e mezzo, di incontrare donne meravigliose di cui ascoltare e raccontare la storia. L’ultimo anno ci ha visto crescere molto, abbiamo accolto 18 artigiane dell’uva sul nostro sito, la nostra community oggi accoglie più di 1000 persone e tante di più ne abbiamo incontrate negli eventi da noi organizzati e in quelli in cui abbiamo avuto il piacere di partecipare.

Sono proprio questi passi importanti ad averci fatto rendere conto che per poter continuare a sostenere le nostre artigiane dell’uva, al fine di rendere possibili nuove collaborazioni che portino valore, a loro e alle donne che fanno parte della nostra community, era necessario dare una forma ufficiale al nostro progetto.

Fino a quel momento, infatti, eravamo soltanto due amiche con una bella idea

Così, trovare una forma giuridica che ci permettesse di andare avanti con grinta e determinazione, oltre che a risolvere alcuni problemi a livello amministrativo, è dove si è concentrato il nostro lavoro degli ultimi mesi. Per tutti questi motivi, infatti, lo scorso 13 maggio abbiamo fondato ufficialmente l’Associazione di Promozione Sociale Vite Storie di Vino e di Donne.

Vite store di vino e di done è un’associazione: cosa succede adesso

  • potremo portare avanti sempre meglio i nostri valori e l’obiettivo di Vite, il nostro impegno continuo e costante nel fare del nostro meglio per creare occasioni di incontro tra le donne che amano il vino e quelle che lo producono
  • avremo la possibilitá di creare partnership ed eventi, sempre di più e sempre più grandi, di racconto, di vino, di formazione e trasformazione
  • potremo partecipare a bandi/concorsi in linea con i valori e interessi di Vite, che ci permetteranno di creare ancora più occasioni di incontro tra le donne che amano il vino e quelle che lo producono
  • miglioreremo il sito e la modalità d’ordine, per rendere tutto più facile e immediato
  • continueremo a cercare e ad accogliere sempre più le artigiane dell’uva che vorranno far parte di questa community straordinaria di donne, appassionate di vino, che cercano ispirazione e modalità diverse di vivere la propria vita e realizzare i propri progetti

come ordinare vino ristorante consigli sommelier

Come si ordina il vino al ristorante?

I consigli della sommelier per non sbagliare quando siamo al ristorante e tocca a noi scegliere il vino

Le nostre amiche sommelier e artigiane dell’uva ce l’hanno sempre detto. Ci sono due modi per conoscere davvero bene il vino: il primo è assaggiarlo (il secondo ancora non ce l’hanno detto). Ora che stiamo diventando delle esperte, in formazione costante presso l’Università-del-bere-tanto-e-bene, ci capita sempre più spesso, quando siamo al ristorante sole o in compagnia, che ci venga chiesto, dal personale di sala o da chi ci accompagna: scegli tu?

Così, per imparare una volta per tutte che cosa fare quando ci chiedono di ordinare il vino al ristorante, abbiamo chiesto alla nostra amica Isabella Mancini, socia AILS ed esperta di vino che ci ha insegnato come fare una degustazione al nostro ultimo evento, di darci delle dritte per quando siamo al ristorante, o in un’etoca, e dobbiamo scegliere noi il vino.

Che vino scegliere?

Le strade da percorrere sono due. La prima, è chiedere la carta dei vini e guardare se tra le proposte c’è qualche cantina che già conosci, magari perché ti è stata regalata una bottiglia, magari perché si trova vicino a quel posticino dove hai trascorso le vacanze o magari è una di quelle presenti su Vite. La seconda, che Isabella consiglia per andare sul sicuro e anche per fare un’esperienza nuova e fuori dalla tua zona di comfort, è quella di chiedere un consiglio a chi ti sta servendo. A questo punto, per poterti dare un consiglio assennato, chi ti serve dovrebbe chiederti se sei interessata ad assaggiare un vino al calice, oppure uno in bottiglia.

Dopodichè, avendo in mente cosa hai ordinato per la cena, potrà farti proposte diverse a seconda di quello che ha in mescita e in carta dei vini, suddivise per budget differenti e infine ti descriverà le caratteristiche di ogni vino. Se ti trovi in un’enoteca, oppure hai chiesto un vino al calice, a questo punto dovrebbero presentarti un bicchiere per l’assaggio. Oppure, se hai richiesto una bottiglia, dovrai fare la tua scelta e chiedere di assaggiare. A volte può succedere che il locale abbia terminato il vino che hai scelto. Tocca allora a chi ti serve presentarti un’alternativa, solitamente della stessa fascia di prezzo e con le stesse caratteristiche.

Sempre molto importante, prima dell’assaggio, è conoscere anche l’annata: potrai renderti conto più facilmente se quello che ti viene portato è un vino che ha raggiunto la sua maturazione, ed è stato dunque messo in carta correttamente, oppure no; se il vino che stai assaggiando è stato conservato correttamente oppure se ha un sapore che corrisponde a un vino più vecchio, questo può metterti sul chi va là.

Chi assaggia per primo?

Tradizionalmente, indovina un po’, ad assaggiare è l’uomo. Per fortuna, però, ci succede sempre più spesso che non sia dato così tanto per scontato. Anzi, è bello sentire la persone che ti accompagna dire al cameriere che gli sta porgendo il bicchiere: assaggia lei. Quando dicono che la strada per la parità tra i generi si accorcia se anche gli uomini camminano con noi, intendono anche questo.

In ogni modo, assaggia chi sceglie. E se il vino lo hai scelto tu, ti tocca di assaggiare. Quando chi ti serve ti porge il bicchiere e si appresta ad aprire la bottiglia, guarda cosa sta facendo, guarda la bottiglia, osserva l’etichetta, osserva i suoi movimenti. Prendi il bicchiere in mano solo quando il vino è al suo interno. Ora puoi assaggiare (se non sai come fare, puoi dare un’occhiata a questa miniguida).

Ok, ho assaggiato il vino, e adesso?

Abbiamo la conferma ufficiale. Non si dice “è buono” e non si dice “mi piace”, perché in quei pochi secondi di assaggio non è possibile giudicare un vino se non per quanto riguarda la prima impressione. E la prima impressione è quella che ci può dire se un vino ha dei difetti evidenti – è ossidato, presenta dei residui di tappo e così via – ma niente di più. Quindi, se non presenta questi difetti, possiamo dire: “va bene”.

E se non va bene? Ricordati che, esattamente come rimanderesti indietro un pesce la cui carne non è fresca, se il vino presenta dei difetti puoi sempre rimandarlo indietro. Ogni ristorante, a quel punto, ha le sue regole per come rimediare all’errore, che può essere di produzione così come di conservazione di quella bottiglia. Quel che è certo è che la vita è già dura abbastanza per decider di bere un vino cattivo solo per aver paura di farlo presente.

3 errori da non fare se al ristorante ordini un vino al calice

  1. A proposito di diritti, quando chiedi un vino al calice, dovrebbe esserti presentata la bottiglia anche il quel caso. Se non viene fatto, non puoi effettivamente sapere se il vino che ti è stato servito è effettivamente quello da te scelto, e questo è scorretto. Se non ti portano la bottiglia, chiedila.
  2. Se quando ti versano il vino, colmano metà bicchiere, senza darti quindi la possibilità di assaggiare, stanno di fatto privandoti di un tuo diritto di consumatrice. Se non ti fanno assaggiare, chiedi di poterlo fare.
  3. Se quando hai assaggiato, non ti piace: ricordati che puoi sempre sceglierne un altro.
evento wine up your life

Wine Up Your Life: il nostro primo evento

Il nostro primo evento su vino, imprenditorialità femminile e consapevolezza. Ti aspettiamo il 24 novembre 2021 a Spaces Milano, in Piazza Vetra 17.

Iscriviti qui

Quando abbiamo fondato Vite Storie di Vino e di Donne lo abbiamo fatto con l’intenzione, non solo di sostenere le produttrici vitivinicole italiane, ma anche con l’obiettivo di far incontrare le donne che amano il vino con le donne che lo producono, promuovendo l’empowerment di tutte le persone che entrano in contatto con noi. A quasi un anno dalla nascita del nostro progetto, finalmente il nostro primo evento

Dedicato al vino, alla consapevolezza e all’imprenditorialità femminile, in collaborazione con  Lean In Network – Milan, She Tech e LILT, l’evento si terrà mercoledì 24 novembre dalle 18:30 alle 20:30 presso Spaces Milano, in Piazza Vetra 17.

Perché partecipare a Wine Up Your Life

  • Parleremo di leadership, imprenditorialità femminile e consapevolezza finanziaria
  • Entrerai in contatto con 4 super community che nelle proprie normali attività si occupano di carriera, crescita personale, consapevolezza corporea, salute, leadership e…vino!
  • Avrai l’occasione di ascoltare le storie di due artigiane dell’uva
  • E potrai assaggiare i loro vini mentre conoscerai altre donne come te!

Agenda

ore 18:30 – 18:50 Accoglienza con live performance dell’artista Mariachiara Tirinzoni

ore 18:50 introduzione di Agnes Antal, co-creator di Vite Storie di Vino e di Donne

ore 18:55 – 19:15 workshop sulla leadership femminile by Lean In

ore 19:15 – 19:30 speech sul gender gap by SheTech

ore 19:30 – 19:50 storie delle artigiane dell’uva, Vera Prada, co-creator di Vite Storie di Vino e di Donne, dialoga con Julia Prestia di Venturini Baldini e Silvia ed Elisa Piaggi di Lefiole vini.

19:50 – 20:30 apertura corner di LILT su salute e consapevolezza corporea e, contemporaneamente, degustazione vini con networking

20:30 saluti e cin cin

Il ricavato dell’evento sarà devoluto alla LILT per la ricerca contro il tumore al seno.

Per informazioni: info@vitestoriedivinoedidonne.it